Gli ultimi dati sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti, diffusi nei giorni scorsi dall’Istat, mostrano una differenza media di oltre 8 mila euro tra Centro-Nord e Mezzogiorno. La forbice nelle retribuzioni si è allargata di ben 1.700 euro rispetto al 2009. Queste cifre, che confermano come le differenze tra Nord e Sud siano aumentate per effetto della grave crisi attraversata dal Paese, stimolano una riflessione sulle proposte per lo sviluppo del Mezzogiorno avanzate in questi anni. Una riflessione che crediamo utile nell’attuale fase, in cui si avvia il programma di un Governo che, pur avendo condiviso un contratto nel quale, si legge, non sono previste “specifiche misure con il marchio Mezzogiorno”, ha, tuttavia, una Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega al Sud e una Ministra per il Sud.

Tra le proposte che, negli ultimi anni, più hanno fatto discutere c’è quella di differenziare i salari tra Nord e Sud per allinearli ai rispettivi livelli di produttività del lavoro. Il presupposto di tale proposta è che tra le due aree esistano ampie differenze nei prezzi e nella produttività, mentre le retribuzioni sarebbero uguali, perché fissate con la contrattazione nazionale. Come risultato, al Sud i salari risulterebbero “troppo alti” rispetto alla produttività e ciò causerebbe disoccupazione. I disoccupati meridionali tenderebbero, poi, a non emigrare al Nord, dove percepirebbero un salario analogo a quello del Sud, ma a fronte di un costo della vita assai più alto. L’implicazione politica è che, per rimuovere alla radice il divario Nord-Sud, sarebbe necessario abbandonare la contrattazione nazionale a favore di quella decentralizzata, per consentire ai salari di adeguarsi (al ribasso) ai livelli più contenuti di produttività del meridione.

I presupposti della proposta non appaiono, però, confermati dai dati. Nelle regioni meridionali, la produttività media del lavoro è sì inferiore rispetto al Nord, ma lo sono anche le retribuzioni. Alcuni esempi possono essere utili. Nel Mezzogiorno il valore aggiunto per dipendente nell’industria è del 27% più basso di quello del Nord-ovest, ma anche le retribuzioni sono proporzionalmente più basse. Anche nel settore dei servizi, il divario nella produttività tra le due aree è sostanzialmente in linea con quello nelle retribuzioni.  In altre parole, i salari medi al Sud sono inferiori che al Nord e sostanzialmente in linea con la produttività del lavoro e con i prezzi. Dunque, la proposta di abbandonare la contrattazione collettiva del lavoro, per favorire un riallineamento (al ribasso) dei salari nelle regioni meridionali non trova conferma nei dati sulle retribuzioni. E non la trova neanche in quelli sull’emigrazione. Tra il 2002 e il 2016, oltre 783mila meridionali sono emigrati: mezzo milione i giovani, oltre 200mila i laureati. Se la proposta di differenziare i salari ha così fragili basi, per quali motivi ha avuto così ampio risalto nel dibattito pubblico? Una risposta potrebbe essere che essa è in linea con quel percorso di riforme che, con l’obiettivo di sostenere occupazione e crescita, hanno progressivamente ridotto tutele e garanzie dei lavoratori. I risultati sociali ed economici di tale strategia riformatrice sono evidenti. Esistono fondate ragioni per pensare che la riduzione dei salari non accrescerebbe investimenti e occupazione, ma impoverirebbe ulteriormente il Mezzogiorno e il Paese.


Questo contributo è stato pubblicato su Il Mattino (Edizione del 19 Giugno 2018)


Francesco Aiello

Francesco Aiello

Francesco Aiello è professore ordinario di Politica Economica presso l’Università della Calabria. Attualmente è titolare del corso di Politica Economica alla Laurea Triennale in Economia e del corso di Economia Internazionale alla Laurea Magistrale in Economia Applicata presso l’Università della Calabria. La sua attività di ricerca è centrata sui temi della Ricerca e dell’Innovazione, dei divari di sviluppo in Italia e in Europa, sull’ analisi micro-econometrica dell’efficienza e della produttività e sulla valutazione dell’impatto delle politiche pubbliche. E’ autore di numerosi saggi scientifici pubblicati su riviste nazionali e internazionali. Accanto all’attività prettamente accademica, si interessa di economia locale e di attività di divulgazione economica. Nell’estate del 2015 ha fondato OpenCalabria.com, uno spazio dedicato ai temi di “Economia e Politica dello Sviluppo” della Calabria.
Francesco Aiello
Vittorio Daniele

Vittorio Daniele

Professore ordinario di Politica Economica all’Università Magna Graecia di Catanzaro. La sua attività di ricerca riguarda, principalmente, i divari regionali in Italia in prospettiva storica e il ruolo dei fattori culturali nello sviluppo economico
Vittorio Daniele
 
Carmelo Petraglia

Carmelo Petraglia

Carmelo Petraglia è professore associato di Economia Politica presso l’Università della Basilicata, dove insegna Economia Regionale e Macroeconomia. È autore di diversi articoli pubblicati su riviste nazionali ed internazionali, tra cui “Regional Studies”, “Journal of Economic Dynamics and Control”, “Journal of Money Credit and Banking”. È membro del Comitato di Redazione della “Rivista economica del Mezzogiorno”, trimestrale della SVIMEZ, con la quale collabora da diversi anni sui temi dello sviluppo e delle politiche regionali.

Pagina web personale: https://sites.google.com/site/carmelopetraglia/
Carmelo Petraglia

Sullo stesso argomento:

 

Ma i contratti collettivi di lavoro andrebbero aboliti? Un commento

 

Salari, investimenti e produttività nel Mezzogiorno